Sfrutta l’IoT per sbloccare valore.

IoT, connettività e telerilevamento: troppo difficile da ottenere?

Come tutti sappiamo, negli ultimi anni la crescita della banda disponibile per le connessioni telematiche ha reso possibile lo sviluppo dell’accesso alle telecomunicazioni digitali su scala globale da parte di oggetti un tempo difficilmente collegabili: l’Internet of Things.

L’Internet of Things è ormai entrato a far parte della vita di tutti i giorni: dagli smartphone alle auto, dai dispositivi cosiddetti “smart” (Amazon Echo, per citarne uno dei più diffusi) agli smartwatch, fino all’utilizzo di sensori remoti per uso medico.

Stranamente, lo sviluppo dell’IoT è avvenuto molto più velocemente nel mercato degli oggetti di uso quotidiano che nella sfera industriale. L’Industria 4.0 resta, per molte realtà industriali, un’idea difficile, quasi un’utopia: l’uso di reti cablate o wireless per ricevere informazioni da sensori e beacon situati in ambienti di produzione o per controllare a distanza macchinari è spesso visto come un passaggio troppo impegnativo da intraprendere da un’azienda che non può permettersi fermi di produzione.

Come affrontare l’IoT industriale: un approccio razionale

L’implementazione dell’IoT industriale (IIoT) può essere eseguita con successo se affrontata correttamente.

Pensiamo a un ambiente di produzione complesso: la chiave del successo è una strategia basata sul valore e sull’impatto.

Innanzitutto, dovremmo identificare i casi d’uso e assegnare loro una priorità: è fondamentale generare un elenco completo, con un approccio combinato dal basso verso l’alto e dall’alto verso il basso. Quindi dovremmo qualificare, catalogare e dare la priorità ai casi, identificando quelli per produrre i progetti principali.

La fase successiva riguarda il rollout e l’abilitazione dell’impianto: dobbiamo sviluppare una road map di implementazione basata sui casi  ad alta priorità valutandoli da una prospettiva di valore/fattibilità.

Questo può essere fatto in una sequenza di tre passaggi: prima dobbiamo scegliere i casi d’uso che potrebbero creare valore immediato e pianificarne l’implementazione. Quindi, mentre distribuiamo l’hardware e stabiliamo le connessioni, dobbiamo iniziare a raccogliere e aggregare i dati, utilizzando questi primi set per confermare o modificare la strategia di sviluppo della piattaforma in movimento. L’ultimo passaggio riguarda la definizione dei processi e delle collaborazioni che consentono l’implementazione: un’implementazione IoT è anche una trasformazione della mentalità e del modo di lavorare di un’organizzazione. Dobbiamo disporre di un modello di collaborazione chiaro con una chiara responsabilità e avviare la formazione dei dipendenti prima del lancio, in modo che possano essere consapevoli e credere nei vantaggi e nelle opportunità del caso d’uso specifico.

Pronto per iniziare il tuo viaggio nell’IoT? Parliamone!

Close Bitnami banner
Bitnami